Ultima modifica: 3 luglio 2018

Scuola Polo – Buone Pratiche Inclusione

ognuno-diverso-e-tutti-uguali2

Una scuola vissuta come una comunità affronta con competenza e tensione morale le sfide che la società contemporanea nella sua complessità le impone. Collegialmente condivide  idee, valori,  progetti e,  su tale condivisione, fonda il suo operato.

Una scuola che pensa ed agisce è una scuola che sa ascoltare e comprendere; che desidera crescere nel sapere e nel saper fare ciò che è utile per rispondere, tanto ai bisogni dei soggetti che si affidano alle sue competenze, che alle cure del contesto.

Le relazioni che si creano non si fermano all’interno dell’edificio scolastico, così come i progetti che in essa nascono, ma vanno oltre per arrivare a scoprire l’intero universo relazionale dell’alunno ed incontrare le famiglie e le istituzioni presenti sul territorio.

I criteri che conducono all’inclusione sono molteplici, sia oggettivi che soggettivi. Il nostro Istituto ritiene che il requisito fondamentale per una scuola sia la qualità dell’integrazione degli alunni disabili e, in generale, di tutti quegli alunni con bisogni educativi speciali, siano essi certificati o meno. Esso da anni si distingue per la sensibilità, l’impegno e la dedizione che riserva a questo principio. Attraverso la costruzione di relazioni positive, di stima e rispetto con le figure istituzionali, si soddisfa l’esigenza di lavorare in un ambiente stimolante ed arricchente.

Da questa finalità unica nasce il raccordo e la progettazione. I rapporti non sono solo formalizzati ma umanizzati attraverso il dialogo, la narrazione e l’ascolto dei rispettivi punti di osservazione per garantire una risposta  reale e proficua alla complessità della condizione.

Un presupposto imprescindibile per il nostro Istituto è la chiarezza con cui docenti, allievi e le rispettive famiglie devono potersi misurare e confrontare ogni giorno.

Trasparenza, interazione, collaborazione, competenze specialistiche e tanto impegno da parte di tutte le figure coinvolte, ecco le condizioni di base per realizzare un processo integrante di qualità.

Iter delle diverse fasi di lavoro